Le immagini dello “Stacchinaggio Civile”

Le immagini dello “Stacchinaggio Civile”

Di seguito alcune immagini della manifestazione "Staccinaggio Civile" che si è svolta martedì 19 aprile 2011.

Tante persone, di tutte le età, che hanno voluto dare il proprio contributo allo "stacchinaggio" di tutti i manifesti elettorali affissi illegalmente lungo il percorso stabilito dai promotori dell'iniziativa:

Quartieri Connessi, www.q4q5.it, Legambiente, RinascitaCivile, Masci Latina1 e Italia Nostra.

Una lezione di senso civico diretta, soprattutto, ai candidati delle prossime amministrative che stanno insozzando la città come mai in precedenza.

Davvero desolante il quadro di degrado ambientale, civico, morale, politico, sociale e culturale che ne deriva, una prova di assoluta mancanza di rispetto per la cittadinanza.

Questi signori che tanto si dichiarano interessati al bene comune e che ci vengono a chiedere il loro voto, in nome, in realtà, dell'unico loro reale interesse, l'attaccamento al potere ed ai facili guadagni (un consigliere comunale oggi a Latina percepisce circa 2.000 euro al mese e spesso con scarsa partecipazione alle sedute comunali) non esitano neanche per un attimo ad imbrattare la città affiggendo abusivamente i loro manifesti su qualsiasi superficie possibile: pensiline, muri, pali della luce, alberi, cassonetti (l'unico posto adeguato al loro senso civico), cabine dell'enel, stabili pubblici (come la piscina comunale) e spazi riservati ad affissioni comunali a pagamento, in ogni caso non utilizzabili un mese prima delle tornate elettorali.

Comunque, tornando alla manifestazione di martedì, fa piacere almeno aver visto tanta gente impegnata in prima linea, fornita solo di raschietto e tanta buona volontà, staccare con evidente soddisfazione tutti i manifesti, indipendentemente dal colore politico rappresentato, avvalendosi dell'articolo 118 della Costituzione italiana, che in base al principio della sussidiarietà, autorizza il cittadino ad intervenire autonomamente in nome dell'interesse comune.

Le immagini parlano chiaro e documentano anche l'atto finale, lo scarico di una quantità enorme di manifesti (un furgone pieno) dinanzi il comune di Latina, un messaggio diretto a chi dovrebbe dare il buon esempio ed invece non prova neanche un briciolo di vergogna.

Un pò deludente, l'intervento delle forze dell'ordine che diversamente da quanto ci avevano promesso non ci hanno scortati e sono intervenute con notevole ritardo solo a seguito di un richiesta urgente d'intervento, resasi necessaria dalle minacce del solito imbecille attacchino che riteneva la nostra azione vietata….la nostra!!!!!!!

Presto, comunque, me lo auguro, ripeteremo l'operazione!

Ferdinando Cedrone

Raccolta la montagna di manifesti abusivi, li abbiamo simbolicamente posati davanti il Comune di Latina…

 

e ovviamente, una volta completata l'opera, abbiamo ripulito tutto!…capito la differenza???!!!

Ferdinando Cedrone