Il Commissario Nardone, scelte di buon senso

Il Commissario Nardone, scelte di buon senso

"…In fase di messa a punto ed approvazione del bilancio spuntano fuori con chiarezza gli obiettivi del commissario e del suo staff per arrivare a quello che può essere definito un governo per la salute pubblica della città." 

Riporto dal quotidiano Latina Oggi alcuni stralci di un articolo del 19 giugno… 

I costruttori non potranno più realizzare le opere a servizio ma dovranno versare le somme al Comune

"…c’è un emendamento di modifica al bilancio comunale che prevede diverse importanti cose. Primo fra tutti il blocco degli scomputi, quelle opere di urbanizzazione a servizio dei cittadini (marciapiedi, strade, parchi, ecc.) che gli imprenditori edili devono realizzare quando costruiscono degli edifici. Il commissario porrà fine allo strumento dello scomputo per incassare così direttamente le somme dai privati e, successivamente, provvederà a far realizzare le opere necessarie. In questo modo le casse comunali dovrebbero respirare ulteriormente, velocizzando quegli interventi che in alcuni casi risultano fermi ormai da anni…" . "… Novità positive nel capitolo delle spese in bilancio. Nardone ha deciso di potenziare il capitolo relativo alla manutenzione delle scuole, quello destinato alle circoscrizioni mentre è riuscito a prevedere anche somme per le grandi manifestazioni culturali. Tra i provvedimenti contenuti nell’emendamento di modifica anche maggiori stanziamenti per i centri anziani, il rifinanziamento del telesoccorso che era stato bloccato dalla precedente giunta appena dopo un anno di attività e il finanziamento di alcune convenzioni con asili nido privati. Il Comune recupererà parecchie risorse che erano state evase nel corso degli ultimi anni. Solo per quanto riguarda la vecchia tassa sui rifiuti non pagata dagli utenti si superano i 2,7 milioni di euro. Per quanto riguarda l’Ici invece il recupero è di un milione e mezzo di euro. Ma il compito di Nardone non è certamente dei più semplici. Il bilancio infatti presenta 7 milioni di euro di debiti fuori bilancio per sentenze passate in giudicato e i guai legati alla contrattualizzazione dei dipendenti dei mezzi pubblici."

http://www.dagolab.eu/public/LatinaOggi/Archivio/58a282b19fc5dd0beec3/pag03latina.pdf

 

Francesca Suale