Quartieri Connessi e Rete Civica Q4Q5 incontrano il Sindaco e l’assessore Caschera

foto di repertorio
A sx il Sindaco Coletta – a dx l’assessore Caschera

Su invito dell’associazione Quartieri Connessi e del Comitato Rete Civica Q4Q5, si è svolto ieri nella sala parrocchiale del San Luca in Q5, l’incontro con il Sindaco di Latina Damiano Coletta e con l’assessore ai lavori Pubblici, Manutenzione, Viabilità, Decoro e Impianti Sportivi, Pietro Caschera.

L’obiettivo era ascoltare i due graditi ospiti su diversi temi che riguardano i quartieri Q4 e Q5 e non solo.

Come di consueto, le nostre associazioni, hanno l’abitudine di confrontarsi direttamente con chi ha ruoli di responsabilità all’interno della macchina amministrativa. Per tale ragione, si è pensato che vi fossero i presupposti per discutere di:

  • Nuovo centro sportivo nel quartiere Q4 (Nuova Latina) – eventuale gestione
  • Pianificazione, progettualità e ricerca fondi per realizzazione Centro Civico nel quartiere Q5 (Nascosa)
  • Riapertura Ponti lignei di attraversamento ciclo pedonale del parco Susetta Guerrini (Oasi verde)
  • Possibilità di realizzare i lavori necessari per l’apertura pomeridiana della biblioteca dell’Istituto comprensivo Don Milani e modalità di gestione integrata
  • Questione marciapiedi inesistenti o divelti in quasi tutti i quartieri
  • Manutenzione dei parchi gioco

Vista la mole dei temi in programma, si è potuto discutere ampiamente solo per alcuni di essi.

In particolare, molta attenzione si posta sulla reale possibilità che possa nascere un centro sportivo nel quartiere Q4, un campo di Calcio regolamentare, un campo da Basket e uno di Paddle, con annessi servizi quali spogliatori, docce, bagni ed altro.

Per questo progetto, c’è stato riferito dagli intervenuti, si è in attesa di conferme per l’arrivo dei fondi già stanziati per oltre 1 milione di euro. Maggiori certezza invece per il luogo esatto dove nascerà il centro, ovvero l’area che si trova dietro la chiesa Maria Madre della chiesa in Q4.

Su questo tema, inoltre, si sta valutando la possibilità di far gestire a terzi l’intera struttura al fine di garantirne la buona amministrazione e manutenzione.

Vista la modalità con la quale gli eventuali gestori entreranno (con un bando di gara) a gestire la struttura per la quale non sosterranno alcun costo per l’acquisto del terreno e per la realizzazione delle strutture, le nostre associazioni hanno chiesto fin da subito, di intervenire con programmi a prezzi calmierati e/o legati alle possibilità finanziarie delle singole famiglie (ovvero con il quadro ISEE).

Per quanto riguarda l’eventuale Centro civico in Q5, invece, siamo ancora all’anno zero. Ovvero alla ricerca di fondi europei, nazionali e/o regionali, grazie ai quali si potrebbe realizzare la tanto attesa opera che di fatto cambierebbe la vivibilità dei quartieri (un centro civico significa: teatro, sala congressi, sale riunioni,sale prove, biblioteca etc etc). L’unico aspetto positivo, l’individuazione dell’area che secondo l’assessore Caschera coinciderebbe con quella da noi suggerita, ovvera quella a ridosso di viale P. da Palestrina all’incrocio con via Umberto Giordano.

Si è parlato poi della questione “ponti di attraversamento ciclopedonale dell’oasi verde” e della loro possibile riapertura. La situazione degli stessi è molto grave (peraltro da noi segnalata diversi anni fa). Le travi portanti delle rampe di risalita e discesa sono completamente ammalorate e vanno sostituite. Questo implica l’intervento non solo del comune di Latina (che ha già stanziato circa 80.000 euro) ma anche di altre Istituzioni, comunemente non sempre celeri nel fornire risposte. Per tale ragione, così come ci aveva già anticipato l’assessore bellini, si provvederà per il momento a realizzare un attraversamento pedonale rialzato proprio in prossimità della rotonda nei pressi della Parrocchia San Luca.

Non possiamo nascondere che tale soluzione, non è piaciuta a nessuno dei presenti (circa 20 persone). In particolare il timore è che, come spesso accade in Italia e in particolare nella nostra città, “nulla è più definitivo del provvisorio”. Si ha paura cioè che una volta realizzato l’attraversamento pedonale, l’amministrazione si senta “appagata”. Abbiamo quindi spronato i due amministratori presenti a fare tutto quanto è nelle loro possibilità per sollecitare chi di dovere a fare il proprio lavoro e nei giusti tempi. In altri termini, se i ponti non verranno aperti nel giro di qualche mese, torneremo a far sentire la nostra voce forte e chiara.

Per quanto riguarda la biblioteca, la situazione va considerata in un contesto più ampio (Social Impact School). In ogni caso, verrà presto programmato un incontro tra gli assessori Caschera, Pazienti (Istruzione) e la dirigente della Don Milani Marina Palumbo per trovare un punto di incontro e di possibile apertura al territorio e gestione della struttura.

Al termine della riunione, il Sindaco Damiano Coletta ha chiesto il nostro parere sulla questione del Porta a Porta e sulla raccolta differenziata. Il nostro giudizio non poteva essere che positivo visto il totale cambiamento del volto dei quartieri dal momento in cui la stessa è entrata in vigore. Non vedere tutta quell’immondizia per strada, quelle discariche a cielo aperto alle quali le giunte precedenti (e anche i primi anni della prima giunta Coletta) ci avevano abituati, sembra quasi un sogno. E questo glielo abbiamo riconosciuto.

Ma nei quartieri rimangono molti problemi irrisolti, a partire da quello dei marciapiedi (appena sfiorato nell’incontro di ieri) a quello della gestione e manutenzione dei giardini pubblici, come quello del parco di via Cimarosa “Cottignoli Petrucci”, e di cui si pubblicano le seguenti immagini (e si ringrazia Daniela per l’invio al nostro portale):

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.