Il portale dei Quartieri Nascosa e Nuova Latina

Sindaco e Latina Ambiente: impaludati

domenica 24 maggio 2015

Molti si chiedono cosa abbia a che fare la crisi della Latina Ambiente (“l’emergenza rifiuti” creata ad hoc) e la sfiducia al sindaco.

Provo a spiegare :-)
Da molto tempo si sapeva che la questione della società partecipata Latina Ambiente Spa (51% Comune, 49%Unendo) andava definita, ma è sempre stata rimandata e mai affrontata come si deve.
Sapendo che la situazione debito/creditoria con la Latina Ambiente è sempre stata non chiara, sarebbe stata necessaria un’operazione trasparenza.

Il termine della scadenza della società si è sempre saputo: il 31 dicembre 2015.
Un buon padre di famiglia avrebbe dovuto cominciare a pensare come chiudere l’esperienza preparandosi a ripianare la questione debiti/crediti già da tempo.
Invano i Revisori dei Conti del Comune hanno chiesto più volte negli ultimi anni una relazione chiarificatrice e mai hanno ricevuto dalla Società risposte: ma chi è il socio di maggioranza della società? Perché i bilanci della società hanno sempre problemi ad essere certificati e vengono relazionati in modo non positivo dai vari organi di revisione?
Rispetto alla scelta imposta dalla legge che come scadenza ha il 31 dicembre 2015, la società va chiusa, sia che si scelga di “esternalizzare” sia che si scelga di “municipalizzare” il servizio raccolta e smaltimento rifiuti; ma chiudere una società implica il fare chiarezza sui numeri.

A inizio 2014 il Comune ha istituito un Tavolo Tecnico per definire la riconoscibilità dei crediti e dei debiti accumulatisi negli anni con la Società. A luglio del 2014 è stata redatta una relazione, è stata consegnata al Sindaco e al Capo di Gabinetto e l’iter avrebbe dovuto continuare, perché la riconoscibilità di quei numeri, che non erano altro che i debiti e crediti verso la LATINA AMBIENTE, dovevano essere riconosciuti in consiglio comunale e che avrebbe deliberato di conseguenza.
Dopodiché si sarebbe dovuto lavorare nei confronti di una ipotesi transattiva per evitare un ulteriore contenzioso e pareggiare i conti.

E invece?

Fino ad oggi non è mai stata redatta, formulata una proposta di transazione dai dirigenti (che poi avrebbero trasmesso ai revisori dei conti, al segretario generale e poi al consiglio comunale).
A nulla è valso il richiamo forte del dirigente dei tributi che mesi fa aveva rappresentato in giunta l’urgenza di redigere un accordo transattivo: nessuno si è mosso.

Senza alcuna chiarezza sui conti, ci chiamano, come politici, a decidere se internalizzare la gestione del servizio o se esternalizzare.
Abbiamo fatto diverse commissioni Bilancio/Ambiente congiunte per entrare nel merito, ma le relazioni che sono state fatte dai dirigenti dell’Ambiente e della Ragioneria riportano semplicemente la dicitura “rischi“: ci sono dei rischi sia nella prima ipotesi che nella seconda ipotesi.

Ma dove sono i numeri certi?

Dov’è il computo dei rischi sia nell’uno che nell’altro caso?
Il peso delle valutazioni non può essere dato solo alla parte dei politici che non sono tenuti ad avere nessuna laurea in diritto societario o diritto amministrativo o in economia o in giurisprudenza: un consigliere comunale può anche essere un infermiere, un panettiere, e proprio per questo motivo si avvale dei tecnici dell’Ente che sono tenuti a dare delle risposte in termini numerici e devono prendersi la responsabilità di ciò che dicono.

QUALI IPOTESI?
Bandire una gara
ed affidare all’esterno un servizio così complesso ed oneroso è, in linea di principio, la cosa più logica perché lo dice la legge. Ricordiamo che l’importo del bando di garanè circa €100ML (€20ML per almeno 5 anni).
L’”in-house“, ovvero la costituzione di una nuova società a 100% di proprietà Comunale che riportava al suo interno il sistema e la struttura della Latina Ambiente (che vanta 10 anni di lavoro nel settore) poteva anche essere una soluzione, ma ad oggi che decidiamo, manca la cosa più importante: la chiarezza sui conti di chi “ci portiamo dentro casa” e la certezza che ci sia un beneficio concreto e certo per la collettività.
Come ammortizziamo i debiti? Quanto tempo ci vuole? Posso fare un bilancio consolidato a mia tutela? È stato fatto uno studio sulle spese del personale?
Non si può fare una scelta basandosi semplicemente sulla definizione di una formula societaria: servono elementi che si sarebbero dovuti acquisire prima e che ad oggi ancora non abbiamo.

EMERGENZA FINANZIARIA LATINA AMBIENTE
Giustamente, adesso la società Latina Ambiente richiede come minimo €500.000 al mese perché non ha liquidità. Ma come ci siamo ridotti a questo?
Il problema è che non è stata mai approntata prima una vera e credibile ipotesi per uscire da questa storia.
Quanto riguarda i lavoratori, se una società fallisce c’è il fondo di solidarietà, e l’esercizio provvisorio garantisce ai lavoratori di essere riassorbiti dalla società che subentra alla gestione del servizio.
Dobbiamo dirlo: la Latina Ambiente è servita ai politici per dare lavoro e garantirsi un elettorato riconoscente e fedele. E le poltrone della Latina Ambiente sono servite allo stesso scopo ma verso una categoria di persone diverse, più altolocate.

I controlli non sono stati mai fatti e sono stati incautamente accumulati debiti con la buona pace dei politici che “governavano” e non avevano nessun interesse a fare chiarezza.
Sono stati fatti gli accantonamenti?
È stato fatto l’accantonamento pro-insoluto?
Ecco cosa prevedeva il regolamento: reportistica ogni tre mesi, relazioni e conguagli ogni anno sin dall’inizio, e se sin dall’inizio ci si fosse comportati come un “buon padre di famiglia” non ci si sarebbe ritrovati in queste condizioni perché il CONTROLLO avrebbe fatto monitorare i costi e avrebbe fatto emergere le anomalie, le carte di credito, gli appartamenti, le auto di rappresentanza, i compensi esagerati ai componenti del cda, e i conguagli avrebbero mantenuto, di anno in anno, condizioni finanziarie gestibili.
Ora, costretti dal termine stabilito per legge (31 dicembre 2015) che impone la chiusura delle partecipate, abbiamo dovuto decidere cosa farne e nel Consiglio del 4 maggio è stata deliberata la scelta: esternalizzazione del servizio e gara europea per la scelta del gestore.
Ad oggi, però, nessun atto amministrativo è seguito a quella deliberazione.
Il sindaco e i suoi “irriducibili” (Fratelli d’Italia con a capo l’on.Maietta) non vogliono mollare e, pressati dall’emergenza rifiuti servita sul piatto d’argento dalla società che vuole invece essere municipalizzata, opera una sorta di “ricatto” sulla città: “mi devo occupare della criticità: datemi il potere di farlo, devo restare sindaco”.

Ma i pieni poteri il sindaco li ha sempre avuti, sin dal suo insediamento nel maggio del 2011. Come li ha usati nei confronti della Latina Ambiente?
Il piano industriale redatto nel 2013 si reggeva su alcune condizioni: sono state rispettate tutte? Il sindaco, dai pieni poteri, le ha controllate?
Su questo piano industriale era prevista la scadenza della società per il 31 dicembre 2015? È chiaro che si sarebbe dovuta predisporre la procedura per un “atterraggio morbido” della società partecipata vista la sua data di conclusione definita per legge.
Nell’eventualità di un fallimento, come si prospetta oggi, se la Latina Ambiente viene a chiedere il pagamento dei debiti nei suoi confronti, come fa a pretendere quelle somme che il Comune non ha riconosciuto?
Il Tavolo Tecnico si è espresso rispetto alla riconoscibilità dei debiti e dei crediti, ma ad oggi non è stato fatto nessun atto amministrativo in questo senso: era il Consiglio Comunale che doveva deliberare rispetto alla riconoscibilità dei debiti e dei crediti della LATINA AMBIENTE.

Cosa pagheremo alla LATINA AMBIENTE, debiti non accertati?

Altra anomalia: nel Piano della Razionalizzazione delle partecipate sono citati 14 milioni di debito nei confronti della LATINA AMBIENTE: sono stati riconosciuti da quale organo dell’ente? Appunto la riconoscibilità doveva essere sancita con un atto deliberato dal consiglio comunale che mai è avvenuto. Il Sindaco, che ha firmato quel documento che conteneva la dicitura di 14 milioni inviato alla Corte dei Conti, può anche rischiare di aver fatto un riconoscimento di quella somma con forti ripercussioni sul bilancio della città, cosa che compete invece solo al Consiglio Comunale, unico organo che delibera in materia di Bilancio.

Il sindaco non è credibile quando dice che l’emergenza rifiuti richiede che lui se ne faccia carico da sindaco al 100%.
Diciamolo: si continua ad usare la Latina Ambiente come strumento a servizio dei propri fini, e la storia lo conferma.

Nicoletta Zuliani  consigliera comunale PD

[show_theme_switch_link] :: Contatore