Il portale dei Quartieri Nascosa e Nuova Latina

Urbanistica = una montagna di soldi…

sabato 6 dicembre 2014

Perché spunta fuori solo ora questo debito?

Gli uffici del Comune lo conoscevano bene.

Perché non è stato inserito nel bilancio previsionale del 2013?

Perché il Comune resta inerte e fa lievitare la somma a quasi un milione di euro? Un debito fuori bilancio di 809.498,65 euro che fa uscire il Comune di Latina dal Patto di Stabilità.

È questo quanto emerge dalla nota che il Servizio di Programmazione e Bilancio ha dovuto redigere dopo la notifica della scadenza dell’ultimo termine arrivata nei giorni scorsi, di una causa ancora pendente e che arriverà a sentenza in appello il prossimo 16 dicembre.

Si tratta di un contenzioso tra l’ente di Piazza del Popolo e l’ingegner Benito Ortù, il quale aveva progettato circa 20 anni fa per conto del Comune i piani particolareggiati per i quartieri R6, R3 ecc.. Alcuni di quei progetti però ebbero parere negativo da parte della Regione Lazio ed il Comune non li realizzò. Questo comportò il mancato pagamento dei relativi progetti, che invece l’ingegnere vorrebbe vedersi saldati.

“La notifica di esecutività della prima sentenza che obbliga al pagamento – afferma Nicoletta Zuliani, consigliera comunale del Partito Democratico – era già in Comune nel 2013.

Perché, quindi, non è stato inserito tra i debiti fuori bilancio già lo scorso anno?

E perché non è stato dato seguito ai tentativi di conciliazione bonaria più volte avanzati dal professionista?

Chiediamo questo al sindaco Giovanni Di Giorgi, che ancora oggi ha nelle sue mani la delega al Bilancio”.Zuliani sottolinea quali sarebbero le prime conseguenze del mancato rispetto del Patto di Stabilità:

riduzione del fondo di solidarietà comunale e del fondo sperimentale di riequilibrio;

limiti agli impegni per spese correnti;

divieto di ricorrere all’indebitamento;

– divieto di procedere ad assunzioni di personale;

– riduzione delle indennità di funzione e dei gettoni di presenza.

 Questo significherebbe avere un Comune quasi del tutto immobile.Cosa ha generato questa situazione?

Perché il servizio Urbanistica non ha attivato procedure transattive?

Il “dovuto” nei confronti del professionista è praticamente raddoppiato a causa delle conseguenze che i termini scaduti ingenerano, facendo arrivare la somma a quasi un milione di euro.

Una gestione scellerata dei conti pubblici ormai caratteristica di questa amministrazione poteva essere senza dubbio evitata, quantomeno rispondendo alla proposta transattiva che la controparte ha avanzato senza alcuna risposta dall’Ente”.

Non si gioca con i soldi dei cittadini.

La questione è gravissima e mi aspetto che ce ne siano diverse altre della stessa fattispecie, magari nascoste in un cassetto”       

[show_theme_switch_link] :: Contatore