Torna la befana in Via Nascosa “Brusa la vecia”

Torna la befana in Via Nascosa “Brusa la vecia”

Anche quest’anno l’associazione Gruppo Spontaneo Nascosa organizza il tradizionale falò dell’Epifania, rito fortemente sentito nella cultura contadina veneta e non solo. Il fantoccio dato alle fiamme, secondo una antica usanza, rappresenta l'anno vecchio, logoro e cencioso, che finisce e viene, appunto, bruciato per far posto a quello nuovo.

Il fuoco farà anche da guida per la befana che porterà ai bambini buoni caramelle e dolciumi vari, mentre a quelli cattivi lascerà del carbone. Infatti è tradizione che la notte tra il 5 e il 6 gennaio venga lasciata una calza vicino al caminetto in modo che la "vecia" la possa riempire al suo passaggio durante la notte.

Ma in via del tutto eccezionale, domenica 5 gennaio alle ore 19 la befana passerà presso l'area delle feste in via Nascosa Km 2.1 (a 100 metri dalla chiesa San Matteo) guidata dalla luce del falò, per consegnare le calzette ai bambini presenti.

Oltre all'accensione del falò e la presenza della befana che distribuirà la calzetta per i bambini, per i più grandi ci sarà un brindisi comune con aggiunto Vin Brulè per riscaldarsi.

La partecipazione è libera per tutti.
NB. Per i non soci, se vorranno prenotare la calza da far consegnare dalla befana, è necessario chiamare per tempo telefonando al 335 7182469 oppure al 329 6135431, possibilmente entro il 4 gennaio sera e verrà chiesto un piccolo contributo di 5€ come rimborso spese.

Questo tipo di evento, coinvolge adulti e bambini in un clima di allegria ed amicizia; trattasi di un momento fortemente sentito dalla gente come occasione di aggregazione.

Stefano Bassetti
Gruppo Spontaneo Nascosa

Stefano