Il portale dei Quartieri Nascosa e Nuova Latina

Matteoli a Latina per le infrastrutture

giovedì 31 marzo 2011

Sarà presente a Latina, a partire dalle 17.30 di domani, il Ministro delle Infrastrutture

e Trasporti, Altero Matteoli, per parlare dei progetti del Governo sul territorio

pontino. La cittadinanza è invitata a partecipare.

Al convegno “Infrastrutture per Latina”, porteranno il proprio saluto politico il

senatore Claudio Fazzone, coordinatore provinciale PdL Latina, il senatore Francesco

Aracri, commissario comunale PdL Latina, e il vice coordinatore provinciale Fabio

Bianchi.

Interverranno il Presidente della Provincia di Latina Armando Cusani, l'onorevole

Marcello De Angelis, da febbraio 2011 segretario della V Commissione (Bilancio,

Tesoro e Programmazione), e il candidato sindaco del PdL Giovanni Di Giorgi, per la

prima volta in veste ufficiale.

Coordinerà i lavori Ilaria Bencivenni, capogruppo PdL in consiglio comunale ad

Aprilia e membro del direttivo provinciale del partito. “La presenza del Ministro

Matteoli a Latina, con questo convegno, è il segno tangibile dell'azione che il

Governo centrale vuole intraprendere sul territorio pontino: meno di un anno fa il

Ministro era già stato a Latina e ora che la città vive l'importante sfida della

competizione elettorale vuole portare il suo contributo e far sentire la vicinanza del

Governo, che agirà in sinergia con i suoi rappresentanti locali” – afferma Bencivenni.

“Sarà la prima manifestazione pubblica del PdL per le amministrative. La presenza

del Ministro sarà anche per riportare pubblicamente le intenzioni del Governo e le

volontà del partito per la realizzazione di infrastrutture sul territorio comunale e sulla

provincia. Il PdL è un partito vivo e presente nel territorio: è il partito del fare e punta

a un cambiamento generazionale” – afferma Orlando Angelo Tripodi, responsabile

organizzativo provinciale del PdL di Latina e membro del direttivo provinciale

pontino.

0 commenti su “Matteoli a Latina per le infrastrutture”

  1. Io penso di no! Matteoli ci dirà invece che il governo ha in serbo grandi cose per Latina: porti, aeroporti, terme, metropolitane, campi da golf, piramidi e archi di trionfo. Tutto quello che dobbiamo fare è votare Di Giorgi e, magicamente, Latina cambierà da così a così.

    Figurati se rischierà di turbare questo strabiliante quadretto parlando di nucleare. Matteoli è un pessimo ministro, ma mica è scemo! 

  2. non intendevo dire che ne avrebbe parlato a noi…(miseri cittadini), bensì a qualcun altro, assai più quotato!

    p.s. il dubbio mi è venuto leggendo il comunicato di Maurizio Patarini:

    Il primo aprile il ministro Altero Matteoli sarà in visita a Latina

    Nessuna indiscrezione sul motivo di questa sortita nel capoluogo pontino.

    Senza fare della facile ironia sulla scelta della data, sarà un caso, ma l’ultima visita ufficiale del ministro in questione, regalò al nostro territorio l’elettrodotto Sapei, correva l’anno 2006.

    Pur non avendo nulla in contrario verso un’opera di tutto rispetto e prestigio, ma che è nei fatti una servitù, è bene ricordare a tutti i cittadini di Latina, che questa venne, per così dire “calata dall’alto”, senza nessuna interazione con le istituzioni politiche, sociali ed economiche della nostra città.

    Quello che  mi preoccupa e che preoccupa le persone in grado di fare un’associazione minima  tra fatti nazionali e vicende locali, e senza per questo obbligarli a sforzarsi troppo con la fantasia, possono leggere tra le righe, che questa “sortita d’aprile” assomiglia molto, ad una “cauta” preparazione del terreno al tema “nucleare a Latina”.

    Non mi fido delle sortite dei leader Nazionali in terra Pontina in particolar modo in questo momento di scarsa credibilità e scarsa capacità di decidere quali siano le migliori scelte da fare per il bene delle città. Un esempio lampante è la questione legata alla scelta del candidato a Sindaco della PDL ,un partito che in terra pontina ha consensi “bulgari” non è riuscita a scegliere dal proprio interno , ma si è affidata a scelte romane. La domanda mi sorge spontanea: domani che da Roma decideranno di mettere a Latina una Centrale Nucleare o un deposito di scorie radioattive o una qualsiasi altra servitù , quanta forza di opporsi avranno questi stessi che oggi sono stati indicati da Roma a ricoprire il ruolo di Sindaco?

    Posto che tutti i filo-nuclearisti sono in “pausa di riflessione”  pro- moratoria nucleare, tranne, per fortuna, il nostro Presidente della Repubblica, il quale non ha firmato il decreto che avrebbe  inficiato così il referendum di giugno!

    Qualche mese di pazienza, dunque, e passato, se passerà! Lo spauracchio del plutonio nipponico, a Latina saranno belli e pronti per la supposta nucleare!

    Certo si potrebbe obiettare che siamo in campagna elettorale e che  si accusa facilmente il nemico di qualsiasi nefandezza! Ma nel caso delle “ visite romane” vale sempre il detto “fidarsi è bene, non fidarsi e meglio!”

    Maurizio Patarini

    freddy

  3. Latina Oggi parla di "Un Cafaro semivuoto per il convegno col ministro Matteoli e Di Giorgi"; in sala si contano 74 persone, giornalisti esclusi… il ministro annuncia che la Roma – Latina sarà realizzata, la trasformazione dell'attuale Pontina in autostrada sarà portata a termine con lo stanziamento dei fondi del Cipe… i tempi ovviamente sono quello che sono, ma per l'apertura dei cantieri non si attenderà molto.  Poi l'argomento che ha tenuto banco è stata la metropolitana leggera sul quale, sia Fazzone sia Di Giorgi, hanno affermato che il progetto sarà interamente rivisto.  

    Cosa significhi questo interamente rivisto mi lascia perplessa e mi fa preoccupare… sarà che un no deciso a quella metro pesante, altro che leggera, sarebbe stato molto più rassicurante… 

    saluti

    Francesca

  4. Gent.le Francesca, significa che, spenderanno qualche altro milione per rivedere il progetto,

    per poi mantenerlo in essere. Meditiamo, meditiamo.

    Saluti Markof

  5. Significa che, nella sciagurata ipotesi dovesse vincere Di Giorgi, vedremmo qualche altisonante consulente esterno che, a suon di  milioni di euro, ci direbbe che con qualche aggiustatina qua e là la metropolitana è una figata, e che Latina ne ha assolutamente bisogno.

    E l'indegna slot machine riprenderebbe a girare e ad arricchire i soliti noti. 

    Speriamo che i latinensi siano più intelligenti di quanto non hanno dimostrato fino ad oggi.

    Salvatore

[show_theme_switch_link] :: Contatore