Acqua: concessa la proroga per l’arsenico

Acqua: concessa la proroga per l’arsenico

Con la decisione adottata dalla Commissione europea il parametro di arsenico consentito passa dagli attuali 10 microgrammi litro (mg/l) a 20, mentre il parametro del floruro si attesta sui 2,5 mg/l… con questa decisione le province interessate dal problema arsenico ottengono una deroga fino al 31 dicembre 2012, insomma Acqualatina si salva dalle multe della Asl e ha altro tempo utile per rientrare nei valori consentiti … sull'argomento segnalerei anche l'interessante articolo pubblicato da Il Caffé di Latina, numero dal 24 marzo al 6 aprile, dove si spiega che il Ministero della Salute non obbliga chi imbottiglia l'acqua a dichiarare sull'etichetta il contenuto in arsenico. Le aziende fanno gli esami e se il contenuto di arsenico non supera i 10 microgrammi non procedono all'imbottigliamento, insomma in teoria dobbiamo fidarci. E' evidente che sull'arsenico c'è davvero poca trasparenza di informazioni quando i medici sostengono che l'unico limite certamente non pericoloso è zero… a pagina 14 viene anche pubblicata una tabella con il contenuto di arsenico per ogni marca di acqua minerale… 

 

Francesca Suale