Il portale dei Quartieri Nascosa e Nuova Latina

Italia: all’avanguardia

venerdì 25 febbraio 2011

Alla Boeing (l’industria che si contende con l’Airbus il primato mondiale di costruzione di aerei passeggeri) stanno pensando di certificare uno speciale sedile vibrante, che possa svegliare i piloti, nel caso i poveretti, nel corso dei turni massacranti che ormai sono la regola sugellata dalle autorità aeronautiche di tutto il mondo, dovessero addormentarsi.

I moderni aerei sono stracolmi di spie multicolori, sirene, cicalii, trilli, e voci petulanti messi lì apposta per contendersi l’attenzione dei piloti sempre più stanchi e sfiniti. Ma di fronte alla spossatezza che ti fa crollare – si saranno detti alla Boeing – non ci sono trilli e luci che bastano! Allora cosa può esserci di meglio di un sedile vibrante che ti scuote dal torpore e che, all’occorrenza, ti molla l’equivalente di un bel calcio nel fondoschiena? Certo dopo il risveglio i poveretti saranno un pochettino disorientati, ma che possono farci alla Boeing? Mica sono maghi!

Il guaio è che questi della Boeing pensano di essere all’avanguardia, pensano di aver avuto un’idea geniale e di avere inventato l'acqua calda! Non sanno, i poveretti, che in Italia i sedili vibranti li abbiamo da sempre! Non sugli aeroplani, è ovvio, ma li abbiamo sulle macchine, sui camion… Infatti noi abbiamo l’unica rete stradale del mondo (beh, del mondo cosidetto civilizzato!) che, piena di buche com’è,  trasmette al conducente una serie continua di forti vibrazioni. Eppure la gente si addormenta lo stesso al volante!

Zitti! Meglio non dirglielo a quelli della Boeing, gli riovineremmo la festa.

Salvatore

[show_theme_switch_link] :: Contatore