Il portale dei Quartieri Nascosa e Nuova Latina

III serata di Festambiente 2009…sempre meglio!

domenica 28 giugno 2009

Ogni evento all'interno della manifestazione di Legambiente, come il saggio di Tiro con L'Arco organizzato da l'ArcoClub di Latina è stato un autentico successo (del resto, come ormai saprete, dal 15 al 19 settembre 2009 si svolgeranno proprio in questa sede, l'Oasi Verde dei q4 e q5, i campionati mondiali della disciplina 3D).

Gli amici dell'Arco Club, hanno quindi contribuito ad animare già dal pomeriggio, fino a sera inoltrata, questa manifestazione con alcune dimostrazioni e lezioni base ai meravigliati partecipanti.

Di seguito alcune immagini che testimoniano il successo dell'intera manifestazione di ieri, patrocinata dalla II circoscrizione Latina Ovest e dlla Regione Lazio e alla quale l'associazione Quartieri Connessi ed il Portale www.q4q5.it hanno dato il proprio contributo.

TIRO CON L'ARCO DEL POMERIGGIO

PROVE TECNICHE DEL GRUPPO I VERROSPIA

LO STAND DI QUARTIERI CONNESSI ALL'INTERNO DEI GAZEBO DI LEGAMBIENTE

DIMOSTRAZIONE SERALE DI TIRO CON L'ARCO

LA CENA E LA PRIEZIONE DEI FILMATI

LA DISTRIBUZIONE A TUTTI I PARTECIPANTI DELLA NUOVA BROCHURE DI LATINA AMBIENTE SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 

IL GRUPPO " I VERROSPIA" CHE HANNO ESEGUITO MAGISTRALMENTE ALCUNI LORO BRANI DI MUSICA REGGAE 

Stasera, l'ultima serata con i TIERRA MESTIZIA" un gruppo colombiano che eseguirà musica Latino Americana.

Vi aspettiamo!

Ferdinando Cedrone

0 commenti su “III serata di Festambiente 2009…sempre meglio!”

  1. Ritengo apprezzabile e riuscita la manifestazione e sono completamente daccordo sul fatto che sarebbe senza dubbio gradita una maggior frequenza di queste iniziative. Mi permetto però di esternare due critiche .

    La prima è solo riportata e riguarda l'orario della manifestazione musicale , in particolare il giovedì. Ho infatti catturato le lamentele di alcune persone che abitano nei pressi dell'oasi verde e il giorno dopo dovevano andare a lavorare ,alzandosi presto. Per fortuna non c'è ancora molto caldo ed hanno potuto chiudere almeno le finestre , ma altrimenti penso che ,per loro ,sarebbe stata ancora meno gradevole la musica , iniziata oltretutto più tardi del previsto , dovendosi poi svegliare presto la mattina del venerdì.

    La seconda osservazione è personale : venerdì sera sono uscito con tutta la famiglia , pur abitando a pochi passi dall'oasi , per godermi un pò di musica e sbocconcellare qualche panino a più diretto contatto con altre persone e gli stessi musicisti . Ho però dovuto constatare che già alle 9,15 erano rimasti pochi posti a sedere di fronte al palco e nessun tavolino libero. In effetti i tavolini erano molto pochi. Mi sono fermato un pò ad ascoltare la musica e poi sono rientrato a casa , dove ho cenato sul terrazzo da cui potevo sentire benissimo la musica ed anche osservare la scena , senza poter godere però di quel contatto umano diretto , che ritengo , almeno per mè , molto importante , se non fondamentale ,per godere appieno di queste manifestazioni ed approfittarne anche per socializzare. Oggi ho sentito anche altri conoscenti che lamentavano la stessa cosa e la riporto , nella certezza che verrà presa come positiva osservazione di cui tener conto per assicurare , nelle prossime occasioni , una maggior partecipazione.

    Mentre scrivo , stò ascoltando ,dalla finestra aperta ,la musica dell'ultima serata.

    Rinnovo l'apprezzamento complessivo  e ringrazio chi ha contribuito alla realizzazione dela manifestazione , con l'augurio , per i nostri quartieri , che queste occasioni siano sempre più frequenti.

  2. Il cortese, e per me (ma immagino anche per gli organizzatori) gradito messaggio del Generale mi fornisce lo spunto per esternare alcune considerazoni "a caldo" su FestaAmbiente.

    Premetto che sono un semplice iscritto sia a Legambiente (ho rinnovato la tessera ieri sera, quindi ho sanato la mia morosità) che a Quartieri Connessi, e ho partecipato all'evento in qualità di volontario, come tanti altri.

    Personalmente mi attendevo una maggiore partecipazione da quartieri popolosi come i nostri, anche se gli amici più esperti mi dicono che il primo anno è sempre così.

    Certo l'organizzazione ha avuto problemi, burocratici in primis. Ciò non ha consentito di pubblicizzare l'evento come avrebbe meritato, dato che a sole due settimane dall'inizio le date erano ancora in forse.

    Sugli spazi e la logistica non posso che concordare con quanto espresso dal Generale: a parziale giustificazione posso solo riportare quanto sentito, e cioè che mancavano all'appello il 50% di tavoli e sedie, prestati ad altre associazioni e mai più tornati. Sarebbe stato necessario chiedere analoga cortesia ad altri, certamente restituendo a fine manifestazione quanto ricevuto, ma questo purtroppo non è avvenuto. Penso che servirà come esperienza per la prossima volta.

    Sugli orari e quindi sullo slittamento del programma musicale concordo, se ci riferiamo a quanto programmato, ma forse il problema è stato proprio di impostazione. Non si può pensare di procedere alle proiezioni prima che faccia buio e ciò, di questo periodo, avviene intorno alle 21:00, cioè quando sarebbe dovuto iniziare lo spettacolo musicale.

    D'altra parte si è anche visto sabato che la maggior affluenza si ha dopo le 21,30, per cui iniziare la musica all'orario previsto forse non sarebbe stato neanche opportuno. Insomma, per la prossima volta occorrerà programmare meglio il palinsesto, prendendo atto che, per quanto ci si impegni, il sole non ne vuol sapere di tramontare prima del dovuto.

    L'ultima considerazione riguarda il disturbo. E' vero che il venerdì si va al lavoro (anche noi volontari abbiamo questa incombenza: personalmente devo arrivare a Roma in orario), ma un giorno su 365 non mi sembra un gran danno! Penso capiti anche tra vicini, c'è un giorno nell'anno in cui magari si festeggia un compleanno, si fa più tardi e forse i rumori non sono particolarmente graditi. Ma nei rapporti di buon vicinato ci sta anche di tollerare qualche piccolo disagio, contando sulla buona fede e sulla limitatezza dell'evento. Sinceramente i brontoloni che sembra aspettino queste occasioni (in verità assai poche) per lamentarsi mi lasciano abbastanza perplesso. Capirei se fossero tutti i giovedì di luglio (ad esempio), ma sinceramente così …

    Forse manca l'allenamento, forse la musica non era di gradimento (e convengo che le ritmiche africane non a tutti possano piacere), ma comunque il tutto si è concluso a mezzanotte, dopodiché, come Cenerentola, tutti si sono dileguati.

    Sarebbe invece interessante raccogliere altri suggerimenti, anche sul tipo di musica o di manifetsazioni che i nostri vicini più gradirebbero, affinché la prossima festa sia più condivisa e quindi meno "invasiva".

    Con l'obiettivo di allargare la partecipazione e provare a "fare comunità", ciò che in questi quartieri, senza una piazza degna di questo nome, manca come l'aria.

    Giulio

     

  3. Ringrazio anch'io l'utente "Generale", per il cortese post.

    Le critiche quando mosse con garbo e costruttività non possono che far piacere, testimonianza di un interesse che mi piacerebbe fosse stato dimostrato da molte più persone.

    Condivido molti passaggi ma resto scettico sul fatto che in questi quartieri non si possa mai fare nulla senza che qualcuno non lamenti un qualche disturbo.

    Per carità, ognuno è libero di pensarla come vuole, ma se continuiamo a lamentarci anche quando si cerca di dare un pò di vita a questi quartieri, nel rispetto degli orari stabiliti dalla richiesta fatta in Comune, allora siamo alla frutta.

    Comprendo le necessità di chi lavora e deve svegliarsi presto, (lo faccio anch'io tutte le mattine) ma come si fa in tutte le città ed i paesi del mondo, ci sono periodi nei quali credo sia lecito pensare che gli altri possano pazientare qualche ora in più per dare l'opportunità a chi invece vuole stare sveglio e divertirsi, di poterlo fare senza "scappare" dai nostri quartieri.

    Diversamente non lamentiamoci se poi molti ragazzi finiscono le loro serate sempre e solo in una discoteca, magari distante diversi chilometri, con tutti i rischi annessi e connessi.

    Questa manifestazione non ha creato un disturbo paragonabile ad una discoteca all'aperto che chiude alle 4 di notte, (non l'avrei certamente difesa), si è trattato di una festa svolta in piena estate e che a mezzanotte (minuto più minuto meno) ha chiuso sempre i battenti, d'altra parte impossibile da realizzare in spazi talmente acusticizzati, da permettere il totale isolamento (si è solo provveduto a direzionare gli altoparlanti verso la zona più distante dalle abitazioni).

    Insomma ciò che è richiesto è un pò di elasticità per far si che questi quartieri si scrollino di dosso il noto appellativo di quartieri dormitorio e se proprio non si riesce a fare nulla per intervenire più direttamente, partecipando attivamente all'organizzazione di eventi o almeno come ospiti, si faccia almeno uno sforzo di altruismo per dare la possibilità ai nostri giovani ma anche ai più maturi come me, di vivere qualche giorno di serena convivialità.

    Del resto, voglio precisare, che gli orari di chiusura delle attività musicali, sono stati permessi dallo stesso Comune di Latina.

    Che poi ci sia invece da migliorare sotto il profilo dell'organizzazione, in maniera tale che la musica inizia un pò prima e che tutti possano trovare un tavolo ed una sedia per gustarsi un piatto caldo o un panino in assolutà tranquillità, sono assolutamente d'accordo. Ricordo però che sia gli amici di Legambiente sia i soci di Quartieri Connessi, svolgono queste attività in regime di completo volontariato e che ogni miglioramento sarà più facilmente realizzabile se sempre più persone aderiranno a questo genere di aggregazioni.

    Invito quindi il sig. Generale ad unirsi a noi per affronatare al meglio queste non facili imprese.

    Lo ringrazio inotre davvero tanto, nella speranza voglia comprendere che ogni mia affermazione (condivisibile o meno) non fa riferimento ovviamente alla sua persona, quanto alle persone che gli hanno fatto le confidenze che ci ha riportate.

    Un caro saluto

    ferdinando Cedrone

     

  4. colgo l'occasione di questo post per esprimere tutta la mia solidarietà e gratitudine ai ragazzi di legambiente e dei quartieri connessi. di volontariato ne faccio un bel po, e quando c'è da organizzare eventi così lunghi senza molti riferimenti "storici" il tutto è molto difficile. che dire……la musica della prima serata e della terza (che ho sentito) era molto bella, se posso dare un input per la prossima edizione "sparerei" una bella cover di quelle toste (pink floyd, o queen o i nostri battisti, venditti, ecc….) e magari una serata danzante anni 70-80. mi rapporto con ragazzi ed adulti tutti i giorni e scopro con piacere che certa musica è molto apprezzata. i fagioli le salsicce e le verdure eccezionali. penso che se il direttivo raccolglie più idee possibili da quì ad un anno, magari si allea con i quartieri connessi e perchè no, la parrocchia, una sana campagna pubblicitaria……per me FATE I BOTTI!!!

    d'estate la gente va in cerca di questi eventi per staccare la spina, le feste dei borghi insegnano. grazie per averci coinvolto come Arco Club Pontino, e arrivederci a presto. un ultima cosa, solo che fa sbaglia…seneca ha scritto: "non c'è vento favorevole per chi non ha il coraggio di prendere il mare" voi lo avete preso.

    Alex

[show_theme_switch_link] :: Contatore